La Firenze di Dante

Tra i tanti itinerari a tema che vengono proposti ai visitatori del capoluogo toscano, non può ovviamente mancare un percorso pensato per gli estimatori del Sommo Poeta. Infatti, Dante Alighieri nacque a Firenze nel 1265 e lì visse sino alla condanna all’esilio, che nel 1302 lo costrinse ad abbandonare la sua amata città. Due, in particolare, sono le tappe imprescindibili: la Chiesa di Dante e la Casa di Dante.

La Chiesa di Santa Margherita de’ Cerchi, meglio conosciuta come la Chiesa di Dante, è un edificio religioso del XIV secolo, la cui affascinante storia non manca mai di attirare curiosi e sognatori. Infatti, proprio in questo luogo, Dante Alighieri sposò Gemma Donati e – soprattutto – pare che proprio qui il poeta abbia incontrato per la prima volta la musa della sua vita, Beatrice Portinari, che si trovava nella chiesetta per far visita ai genitori qui sepolti. Visitando la chiesa, potrete ammirare un quadro preraffaellita che ritrae l’incontro e altre opere d’arte otto e novecentesche dedicate sempre a Dante e la sua musa. Inoltre, si narra che la Chiesa di Dante sia il luogo di sepoltura della stessa Beatrice, sebbene, secondo l’ipotesi più accreditata dagli storici, la tomba dovrebbe trovarsi nel chiostro grande di Santa Croce.

Il nome della Casa di Dante trae spesso in inganno: non si tratta infatti della dimora un tempo appartenuta al Sommo Poeta, bensì di un luogo a lui dedicato successivamente. La Casa di Dante è quindi un museo, che fu allestito nel 1906 all’interno di un antico edificio, nella zona dove, secondo la tradizione, Dante nacque nel 1265. Anche in questo caso, la leggenda travalica il dato storico: l’unica certezza, infatti, è che qui sorgevano le case degli Alighieri. Ad ogni modo, la Casa di Dante è un luogo decisamente significativo, che offre un dettagliato quadro sulla vita privata, l’esilio, l’attività politica e, naturalmente, letteraria di Dante, intrecciandolo costantemente con la sua amata Firenze. Per un assaggio del “viaggio nel tempo” che il museo regala, date un’occhiata al cortometraggio scritto da Stefano Massini. Inoltre, la Casa di Dante propone un ricco programma di laboratori, visite guidate e tour nella città, sulle orme del Sommo Poeta, ad esempio con il “Divin Giro”, una passeggiata di tre ore che guida i visitatori per i luoghi fiorentini più celebri menzionati nella Divina Commedia.

Informazioni utili – La Casa di Dante e la Chiesa di Dante si trovano in via Santa Margherita, tra Piazza Sant’Elisabetta, Piazza della Signoria e Piazza della Repubblica, in una delle zone più antiche della città, nota, non a caso, come “quartiere dantesco”. Ci troviamo nel cuore del centro storico fiorentino, a circa 20 minuti a piedi dalla Stazione di Santa Maria Novella: se volete trovare una sistemazione in zona, potete affidarvi al database di Expedia, mentre per individuare le altre tappe imperdibili del quartiere, fatevi ispirare dall’apposita sezione del sito del turismo della città. L’area è ben collegata alla stazione dalla linea autobus 22.

About admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *